nimrod

 

Cenni di storia e caratteristiche del gatto certosino

Il Certosino é il gatto nazionale francese, le Chartreux.

Sulla sua origine sono fiorite molte leggende, come quella che lo vuole compagno di meditazione dei monaci Certosini a Chartre ( da qui il nome Chartreux), mentre altre notizie, sicuramente meno "piacevoli", riferiscono dell'utilizzo da parte dei pellicciai del suo manto morbido e folto. Infatti, dizionari ed enciclopedie francesi del 18° secolo parlano di gatti con pelliccia colore grigio cenere tendente al blu ardesia "dont le pelletiers font negoce" .

Nel 1823 finalmente, il grande naturalista Buffon descrive le Chartreux come una razza di gatto di origine diversa dal gatto europeo e dall'angora, e nel 1832 lo illustra addirittura a colori : grigio- blu ardesia sostenuto, occhi arancioni.

Da quel momento le Chat des Chartreux viene descritto ed illustrato in tutti i trattati di scienze naturali, tuttavia continua ad essere utilizzato dai pellicciai.

Fortunatamente, all'inizio del 20° secolo, si comincia ad allevarlo per scopi meno utilitaristici e cioè come gatto da compagnia.

Non staremo qui a dilungarci sulle caratteristiche da competizione del gatto certosino. Elencheremo solo le principali .

Occhi: gialli o arancioni ( MAI verdi)

Pelliccia : pelo mediamente corto, folto e morbidissimo.

Colore : grigio cenere tendente al blu ardesia

Testa : grande e arrotondata, a trapezio rovesciato, con orecchie medie leggermente arrotondate alla punta. Il naso é dritto, senza stop, con al massimo una leggerissima sella tra gli occhi.

Corpo : taglia media o grande, muscolatura potente, petto largo e robusto, zampe muscolose e potenti.

Coda : lunghezza media, proporzionata al corpo, punta più sottile ma arrotondata.

Carattere : carattere molto equilibrato, indipendente e schivo, riservato, miagola poco, da e richiede affetto quando lo desidera lui, ma é molto attaccato al padrone o alla famiglia. Facilmente ce lo si ritrova accanto al risveglio al mattino. E' di ottimo appetito. Adora la sua casa, può rimanere da solo anche tutto il giorno ( meglio comunque dargli un compagno), e se c'é un giardino non chiede di meglio che di passarvi lunghe ore anche solo a dormire sull'erba o su qualche panchina . Ma se passa vicino qualche topo o qualche lucertola......